Coronarvirus in gravidanza, arriva la consulenza ginecologica on line

INTERVISTA 
DR.SSA CHIARA RIVIELLO, GINECOLOGA 
https://www.chiarariviello.it/gravidanza/coronavirus-risorse-utili-per-gravidanza-e-parto/ 
 https://www.chiarariviello.it/


Dottoressa, stiamo vivendo un momento molto difficile, infatti ormai da più di 10 giorni siamo costretti a rimanere in casa, che tipo di consiglio vuole dare alle sue pazienti in un periodo così delicato?

Si è un periodo anomalo, almeno la nostra generazione ed anche la generazione dei nostri genitori non hanno mai vissuto una simile situazione da quarantena e da epidemia, situazione simil guerra e questo al di là della grossa problematica legata al Coronavirus e quindi al rischio del contagio comporta alcuni aspetti che non devono essere trascurati.
In primo luogo io come molti miei colleghi alla luce delle ordinanze sia regionali che ministeriali hanno chiuso l’ambulatorio privato anche ai fini di ridurre i rischi di contagi, ma non per questo le pazienti si devono sentire abbandonate e senza un punto di riferimento. Infatti ho attivato un sistema di consulenze via Skype utilizzato ad oggi da varie pazienti con ottimi risultati in termini anche di soddisfazione della paziente e in termini di efficacia.

Chi può usufruire della consulenza online? 

Prevalentemente tutte le pazienti che hanno bisogno di un consulto o di un consiglio senza necessità impellente di visita o ecografia, finanche tutte le pazienti che in questo momento hanno un dubbio o hanno un problema per le quali posso valutare se risolvere il problema esclusivamente online oppure se si tratta di una situazione grave per cui devo consigliare di recarsi al Pronto Soccorso. È ovvio che in questo periodo l’obiettivo principale è quello di evitare accessi inutili al Pronto Soccorso per cui la consulenza via Skype specie con pazienti che io conosco bene può evitare un accesso inutile al Pronto Soccorso eventualmente prescrivere alcuni esami o trattamenti anche in via online eccezionalmente data la situazione.

Quali consigli vuole dare alle sue pazienti in gravidanza circa il rischio del coronavirus? 

Anche se il bersaglio principale del virus è costituito da uomini di età avanzata con varie patologie, anche le donne in gravidanza possono contrarre il virus.  I sintomi di presentazione sono gli stessi che al di fuori della gravidanza, cioè sintomi da raffreddamento, febbre e tosse. Bisogna però considerare anche altri aspetti come ad esempio la difficoltà maggiore in gravidanza ad eseguire esami radiologici come l’Rx torace e la TAC perché sappiamo che le radiazioni ionizzanti in gravidanza non possono essere usate.  Vi sono invece notizie tranquillizzanti, circa la rarità della trasmissione verticale da madre a feto. Pare che donne con tampone positivo in gravidanza non abbiano trasmesso il virus al feto. Comunque per tutte le informazioni a riguardo vi rimando al mio sito www.chiarariviello.it, dove vi sono articoli di riferimento e video di supporto

Che altri consigli vuole dare alle sue pazienti?


Mi preme particolarmente dare un consiglio alle mie pazienti in gravidanza che si ritrovano a restare in casa per un periodo di varie settimane. Il consiglio è quello di assolutamente non lasciarsi andare al cibo ed all’inattività, infatti non dimentichiamo che in gravidanza un aspetto molto importante è il metabolismo: l’eccesso di alimentazione e uno stile di vita scorretto si trasmette poi in termini di alterazioni metaboliche nel feto. Quindi se da una parte sicuramente la permanenza a casa è fondamentale per ridurre i rischi di contagio, dall’altra parte però bisogna attuare comportamenti corretti anche in casa: non bisogna rimanere inattivi. Io consiglio di fare un’attività fisica tutti i giorni di breve durata, in questo caso non abbiamo più l’alibi di non avere tempo e quindi tutti i giorni, 20-30 minuti al giorno di attività ( può essere benissimo scaricata da internet, sul mio sito vi saranno alcune indicazioni.)
Perseguiamo due obiettivi:  tenersi in forma con un po' di attività fisica così consumiamo un po' di calorie e manteniamo in allenamento i muscoli , e mangiamo bene: non lasciamoci andare agli snack e alla assunzione di cibo per noia, assolutamente NO snack e patatine davanti alla televisione.

Consideriamo anche aspetto psicologico sia nelle gestanti e che nelle altre donne.
Probabilmente tutti noi durante e a seguito di questo evento abbiamo e avremo una ripercussione psicologica, più o meno accentuata a seconda di quanto da vicino ci tocca il virus e quanta ripercussione fisica ed economica avremo a seguito di questa situazione.
Il consiglio che mi sento di dare ora è quello di far tesoro di questo tempo imposto, ad esempio concentrandosi in una qualche attività dalla lettura, ad un’attività manuale che possa impegnare la mente e riempire le giornate.
Sul mio sito ho messo qualche link ad attività fisica e qualche libro suggerito per le donne in gravidanza.

Commenti